Estratto (1969 g)

Di lacrime, pupilla distillata,
laringe che mi lava, su
non consentito lì, sotto il cervelletto,
formato una pozza di ghiaccio,
fuori dalla notte, tubo sporco,
capriccio maschile superiore,
dal sangue, così viziato da te,
- e ancor più correttamente - creo il tuo fantasma,
E io, come un cane, non distogliere gli occhi
dal bivio, dove molte voci
i freni abbaiano furiosamente,
quando le ruote si perdono nella folla
троллейбусов, quando la luce rossa
il tuo fantasma sta correndo, paura di cui
piuttosto inerente allo stallo dei motori,
degli autisti. E se questa è una sciocchezza,
il mio delirio notturno, quindi - spremere il whisky.
Ma il pesante delirio della notte è ininterrotto
sveglia, tram ruggente,
una città enorme che va in pezzi,
come un lenzuolo bianco, dove dice addio.
Ma distruggendo l'indirizzo sulla busta,
entri in casa, le cui stanze sono licheni
oblio tagli, e il pensiero della morte
cercando rifugio in una mente morente
al tatto, come un abitante occasionale
le dita dell'appartamento di qualcun altro nell'oscurità
l'interruttore armeggia lungo i muri per la paura.

1969

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Joseph Brodsky
Aggiungi un commento