Autunno in Norenskaya

Torniamo dal campo. vento
tuoni invertiti campane secchi,
Si distorce i ramoscelli nudi salici,
gettare terra sui massi.
I cavalli sono in lotta tra alberi
cestini neri sporgenti costole,
profilo paga ghignante
un arrugginito erpice zubyu.

Vento Sucitu acetosa congelato,
scialli e sciarpe puchit, armeggia
lino l'orlo dei suoi vecchi donne, marche
le teste di cavolo straccio.
Kharkov, tosse, cercando dale,
come l'orlo di un paio di forbici,
le donne tagliano i loro stivali a casa,
rottura sul loro cavalletto.

Nelle pieghe lampeggiare forbici gomma.
Alunni acquosi smileys visione,
Spazzate dal vento agricoltori collettivi negli occhi,
come una tempesta soffia somiglianza di
in vetro nuda. sotto erpici
Solchi scappare prima che i massi.
Vento lanciando sulle onde
campo allentato stormo di uccelli.

Questa visione - l'ultimo segnale
la vita interiore, che è vicino
qualsiasi verifichino fuori del fantasma,
se non è del tutto a scovare
Chime Kit, clang Telezhnyy,
capovolta nella ruota traccia
rovesciato il mondo della carne,
impennata di vivere tra le nuvole Starling.

Il cielo è scuro; non gli occhi, ma rake
il primo a vedere il tetto greggio,
che incombe sulla cresta
hill - piuttosto, collina lontano.
Tre miglia saranno ancora più di.
pioggia Panuet nella distesa di impoverita,
e bastone per le cime di telone
marrone grumi di terra natale.

1965

Vota:
( 1 valutazione, media 5 a partire dal 5 )
condividi con i tuoi amici:
Joseph Brodsky
Aggiungi un commento