debutto

io

Superare tutti gli esami, lei è
Sabato ho invitato un amico a casa mia,
Era sera, e intasato stretto
c'era una bottiglia di vino rosso.

E la domenica è iniziata con la pioggia,
e un ospite, in punta di piedi in mezzo
sedie scricchiolanti, mi sono tolto i vestiti
con un fragile chiodo conficcato nel muro.

Prese una tazza dal tavolo
e le gettò in bocca il resto del tè.
L'appartamento dormiva ancora a quell'ora.
Giaceva nella vasca da bagno, sensazione

fondo tutto peeling della pelle,
e il vuoto, profumato di sapone,
strisciato dentro attraverso un altro
buco, presentando il mondo.

2

La porta è silenziosamente chiusa mano
era - rabbrividì - macchiato; pryacha
la sua tasca, ha udito, come ad arrendersi
spruzzato di vino nelle viscere della mia giacca.

Il viale era vuoto. Dai tubi di scarico
l'acqua stava versando, spazzando via i mozziconi di sigaretta.
Ricordava un chiodo e un filo di gesso,
e per qualche motivo all'improvviso dalle labbra gonfie

la parola si è spezzata (Dio non voglia
da tutte le sue impressioni),
e se un taxi non è venuto qui,
sarebbe rimasto sbalordito dallo stupore.

Si è spogliato nella sua stanza,
senza guardare l'aratura
chiave, adatto a molte porte,
stordito dal primo turno.

1970

Vota:
( 8 valutazione, media 4.25 a partire dal 5 )
condividi con i tuoi amici:
Joseph Brodsky
Aggiungi un commento